I MIEI PAIRING by TERRY NESTI

NON SI BUTTA NIENTE
7 Febbraio 2021
ITALIA Vs AMERICA
20 Gennaio 2022

I MIEI PAIRING by TERRY NESTI

I cocktail si compongono di vari prodotti: birra, vini, spumanti, vini aromatizzati, liquori, distillati, zuccheri,
frutta ecc. le caratteristiche di questi prodotti e l’abilità di miscelarli determinano la qualità reale della
miscela.
La tendenza mondiale del gusto è dislocata verso il dolce, questo ha spinto i produttori ad aumentare la
dose zuccherina dei loro prodotti e i bartender a preparare drink sempre più sweet. Su questo filone si
inseriscono i Pedroni Mix, sigari con aromi che richiamano anche i cocktail più famosi, seguendo questa
nuova linea di consumo, quindi sigari dolci e accattivanti in linea con il mondo della mixology moderna.
I tabacchi utilizzati in questi sigari hanno molteplici origini, dal Perù al Brasile, dagli Stati Uniti all’area
caraibica, fino all’Italia. Un mix di luoghi e aromi che ha come sempre un unico obiettivo: la ricerca
dell’ingrediente migliore.
I coltivatori selezionati, in Italia e all’estero, aderiscono a rigidi disciplinari e a controlli regolari. Ad esempio,
è consentito loro di curare a fuoco il tabacco sul luogo di raccolta utilizzando legno di acacia e di mogano
dei quali i produttori devono dimostrare l’approvvigionamento sostenibile o l’adesione a programmi di
riforestazione.
La produzione dei sigari Pedroni avviene prevalentemente nella manifattura di Cava de’ Tirreni, mentre una
piccola parte della produzione avviene in Repubblica Dominicana, dove l’arrotolamento del sigaro è
facilitato dalle condizioni climatiche tipiche dei Caraibi. Sono pochi gli ingredienti che compongono i nostri
Pedroni: acqua, tabacco, colla di origine vegetale e aromi alimentari, necessari a dargli il loro sapore unico e
inconfondibile. Due sono le tipologie di tabacco utilizzate dalla linea Pedroni il “Kentucky” usato per le fasce
e per il ripieno del Pedroni Classico e del Pedroni Mediterraneo, e un tabacco Burley da semi
Havanna utilizzato per il ripieno dei Pedroni Mix.
Ma il mondo dei cocktail oramai, oltre che nella versione dei bartender, è diventato anche occasione di
consumo casalingo, e sempre guardando ad un’idea di alta qualità dei prodotti ho deciso di giocare fra i
Pedroni Mix e i nuovi nati Cocktail Baladin:
I 6 cocktail Baladin ripropongono dei classici della miscelazione, reinterpretando la ricetta con ingredienti
nuovi, ma tutti riconducibili alla filiera produttiva di Baladin. Dei “twist on classic” a basso contenuto
alcolico, che utilizzano liquoristica originale creata con alcol distillato dalla loro birra. Tre sono “Beer
Cocktail” perché utilizzano principalmente birra, ovviamente, 100% italiana. Un packaging innovativo, eco
sostenibile, rende semplice il consumo del prodotto. Si tratta della lattina in alluminio con apertura 360®
End del produttore Crown, di cui Baladin detiene un’esclusiva di utilizzo per l’Italia. Questo sistema
permette di eliminare completamente il coperchio trasformando la lattina in un bicchiere.
Studiati per essere proposti molto freschi, gustandoli dalla lattina o con ghiaccio se serviti in bicchiere
andiamoli ad assaggiare abbinati ognuno ad un Pedroni mix e sperando che Baladin a breve produca un
nuovo cocktail, magari con le ciliegie della Mama Kriek per abbinarlo al Pedroni Mix 04 che è rimasto fuori
da questa selezione.
Pedroni Mix 01 e Beer Americano.
Un sigaro dolce che richiama uno dei cocktail più famosi, la Pina Colada da unire ad un cocktail che
dell’amaro fa la sua regola: con birra Baladin 4.8 e il bitter italiano Nuvolari.

In fumata si avvertono istantaneamente i sentori dolci di Ananas, rum e cocco con l’amaro della genziana e
dell’artemisia, poi emerge il tabacco che si fonde con il finale luppoloso del cocktail.
Pedroni Mix 02 e Moscow Beer
Il Pedroni Mix 02 con le sue note di vaniglia si compenetra completamente con questo cocktail fatto con
birra Sud di Baladin e Ginger Beer Baladin.
La dolcezza del sigaro, la spezia preziosa del Madagascar si fondono con le note di zenzero e agrumate a cui
la birra dona un delicato sentore di luppolo.
Pedroni Mix 03 e Beer Hugo
Il sigaro che fa della Moijto il suo filo conduttore non poteva che unirsi con un aperitivo con birra Isaac, fiori
di sambuco e menta. Le note mentolate sono piacevolissime la basicità del sigaro si sposa con la leggera
acidità dell’agrume dato dalla birra
Pedroni Mix 05 e Beermouth & Tonic
Il Pedroni Mix 05 con i suoi aromi che richiama la crema di whiskey è un degno compare del Beermouth
Baladin, un cocktail creato con vermouth di birra e Tonica al Fieno di Baladin. Il sigaro ci regala il profumo
di toffè e gli aromi di mandorla e Nocciola che ben si coniugano con le note lievemente amaricanti e la
freschezza delle scorze di agrumi.
Pedroni Mix 06 e Sidro Spritz
“Il cocktail italiano più bevuto nel mondo ma con sidro di mele 100% italiane”. Lo definisce Teo Musso e per
noi si sposa con il Mix 06 dove i tabacchi scuri italiani e sudamericani si fondono con l’aroma della mela e
della cannella, giocando fra la mela del Sidro Baladin e le spezie del cocktail.
Pedroni Mix 07 e Gin & Tonic.
Le note balsamiche, quasi mentolate del Pedroni Mix 07 ben si sposano con il cocktail creato con il gin
prodotto dalla Distilleria Quaglia, con alcol distillato da birra, e la Tonica Baladin. In bocca l’incontro è fra
note balsamiche, agrumi e ginepro: piacevolissimo ed adatto all’estate.

by Terry Nesti

 

Uno Speciale ringranziamento a Terry Nesti

Special Thanks for Credit and Photo from

Cigar Club Association

WWW.ELPURO.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.