Costruire un sigaro eccellente-2

Saperne di più sul tabacco
9 Novembre 2020
Costruire un sigaro eccellente-1
9 Novembre 2020

Costruire un sigaro eccellente-2

 

IL FILLER: un ottimo sigaro, generalmente si può comparare ad un ottimo banchetto, il filler è la prima portata. Il filler è il risultato dell’arrotolamento (in spagnolo torcedores) di più foglie assieme, accuratamente selezionate strette quanto necessario per facilitare l’aspirazione e la combustione, foglie di tre parti della pianta di tabacco vengono generalmente impiegate in un sigaro fatto a mano.

 FOGLIE LIGERO

prese dalla parte alta della pianta, dove la maggiore esposizione ai raggi solari, facilita la crescita, sono foglie più corpose, scure, ricche di aroma con un alto tenore di combustione, necessitano di un lungo periodo di stagionatura, almeno tre anni, prima del loro impiego.

 FOGLIE SECO

meno intense e più asciutte, dal colore più chiaro, sono prese nella parte centrale della pianta, la loro bellezza è quanto il loro aroma medio e raffinato, la loro maturazione avviene in circa 18 mesi.

FOGLIE VOLADO

prese dalla parte più bassa della pianta, vengono selezionaie per favorire l’armoniosa e costante combustione del filler, in genere richiedono una stagionatura di almeno 9 mesi prima di essere utilizzate.

“Ligero”, “Seco”, “Volado” sono le tre componenti del filler, dal sapiente accostanento di queste tre varietà di foglie, e dalle giuste proporzioni nel loro impiego si deternina il tasto ed il giusto livello di combustione che si intende ottenere da un sigaro.

IL BINDER, è la seconda portata di un sigaro, utilizzato per favorire il contenimento e la stabilità del filler, oltre che per assicurare una costante combustione, il binder costituisce la superstruttura del sigaro stesso.

Un buon fabbricante sa che nel binder non è importante la bellezza della foglia, qualità riservata al “wrapper”, il binder deve garantire il mantenimento della struttura e la sua perfetta combustione. In genere si utilizzano foglie “volado” che meglio si adattano allo scopo.

Gran parte delle migliori qualità di binder provengono dalle coltivazioni del Messico, dalla famosa Valle di Sant’ Andrea.

 

IL WRAPPER

è la giusta salsa di un sigaro, la parte finale, l’ultimo tocco, il colore del sigaro. I cubani chiamano questa foglia “capa”. Nei migliori sigari fatti a mano il wrapper consiste in una unica foglia arrotolata sul filler e sul binder per tre volte e mezzo, ed è inoltre il vestito che si presenta al fumatore al momento dell’acquisto.

Il wrapper non va dimenticato, rappresenta per 80% il sapore e per il 100% la qualità nella presentazione.

Le più apprezzate e (costose) foglie utilizzate nel wrapper vengono coltivate all’ombra, (Connecticut-Shade Grown), in modo che la foglia risulti meno grassa e quindi più leggera.

Un buon wrapper è essere flessibile, senza protuberanze e venature a rilievo, e non deve ostacolare la fase di combustione. Come detto sopra la qualità Connecticut è tra le migliori nelle produzioni mondiali, senza dimenticare i wrapper prodotti con

foglie del Camerun, Mexico, Sumatra, Honduras e piccole produzioni Costaricane.

 by  WWW.ELPURO.ORG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *