Hombre Habano 2018

Nostrano del Brenta
1 Marzo 2018
PORTO
3 Marzo 2018

Hombre Habano 2018

Hombre Habano 2018 è il premio più importante che viene dato ogni anno nel mondo del tabacco

Il Festival Internazionale di Habanos è culminato nella sua XX edizione con la consegna di questo ambito premio 

“Hombre Habano 2018”

che come ogni anno arriva nelle mani dei più importanti esponenti di questo mondo.

Quest’anno in comunicazione l’Hombre Habano 2018 è stato assegnato a Francesco Minetti.

Hombre Habano

Il Premio 

Il pemio creato due decenni fa dal famoso scultore e orafo Raul Valladares che si ispirò alla personalità dei vincitori.

Questo riconoscimento è considerato l’Oscar di questo campo.

Queste sculture, alte più di trenta centimetri, realizzate in argento, sono fatte a mano senza alcuna forma, sono uniche e modellate con tecniche millenarie di oreficeria.

Sebbene mantengano la loro essenza, sono diversi tra loro e apprezzati da diverse personalità, il primo cubano era Abel Expósito, della Casa del Habano de Partagás.

Valladares ha l’anima di un tabaquero, lo porta nel suo sangue come suo padre e suo nonno.

Tuttavia, questo artista è riuscito seguire la tradizione sia attraverso queste figurine che umidificatori esclusivi che produce.

Lo stile di Valladares appare in ognuno dei pezzi che crea, da un piccolo anello a una grande scultura.

Questo artista crea humidor per occasioni molto speciali.

È il creatore degli umidificatori Cohiba, un marchio emblematico molto a suo agio con le sue forme rischiose.

Per lui simboleggiano la raffinatezza e l’eleganza dell’universo accattivante del tabacco.

“Quando nel 1995 Habanos, SA ha fatto la richiesta per la creazione del premio, tutti i concorrenti, come al solito, hanno presentato gli schizzi delle loro proposte.

Ho preso un rischio e ho preso la scultura fatta. Ne è valsa la pena.

Questo premio mi ha dato molte soddisfazioni e gli uomini del mondo di Habanos erano il mio riferimento principale.

La statua li rappresenta.

È un gentiluomo stilizzato e la sua figura assomiglia a quella di un Habano.

L’uomo sta fumando, ma non esplicitamente.

Mettere un sigaro tra le mani sarebbe stato troppo figurato e ovvio, volevo che fosse un po ‘astratto e suggestivo, proprio come il mio lavoro.

Ogni anno lo vedo più bello.

Sebbene la sua essenza sia la stessa, l’Uomo Habano è maturato insieme a me.

Anche la statuetta, tutta d’argento, è cresciuta di dimensioni. La sua altezza supera i 35 centimetri iniziali e si erge, inoltre, su un piedistallo più sofisticato. “La base era granito, ora è fatta di marmo e legno, materiali che danno più bellezza ed eleganza”, spiega l’artista autodidatta.

Valladares sta già pianificando l’Habano Man l’anno prossimo, diverso, sofisticato ed elegante per onorare le tre figure principali della prossima edizione.

 

 

www.Elpuro.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.